x

x

Skip to main content

Dopo una pausa lunga nove anni dal grande schermo, Baz Luhrmann torna con il film più Baz Luhrmann di sempre. E in questa affermazione ci metto il massimo rispetto e ammirazione per il cineasta australiano. Elvis è una maratona di due ore e mezza che sembra più uno sprint: un film estremamente energico da far perdere il fiato, dal primo all’ultimo frame. Ne ho amato ogni secondo!

LA TRAMA

Lunga vita al Re!

Nonostante il titolo, la narrazione di “Elvis” è guidata interamente dal suo manager, il colonnello Tom Parker, interpretato magistralmente da un sempre verde Tom Hanks. Parker racconta il viaggio di “The King” partendo dalla sua adolescenza a Memphis – il momento della sua scoperta – fino alla sua morte prematura avvenuta all’età di soli 42 anni. Era il 1977.

Nel cast è presente anche Olivia DeJonge che interpreta Priscilla Presley, la sola e unica donna che Elvis abbia sposato (1967).

elvis film
LA RECENSIONE

Elvis, un biopic di pura energia

Austin Butler è Elvis. A tratti senti tanto la passione, la grinta e l’energia della sua interpretazione che quasi ti dimentichi di guardare una performance attoriale. La prima ora scorre veloce attraversando i momenti chiave dell’ascesa alla popolarità di Elvis. È implacabile, la telecamera è sempre in movimento, il montaggio frenetico, il tutto condito da una cinematografia elegante e un meraviglioso design di produzione che ti lascerà a bocca aperta. Ogni scena è poi riempita dalle canzoni classiche di Presley, iniettate con stile, stile contemporaneo. È una gioia esserne spettatori.

Hanks è un Parker perfetto. È superbo nel ruolo, anche se è ovviamente oscurato dal notevole lavoro di Butler che sono sicuro diventerà una star internazionale di tutto rispetto. Un cenno all’Oscar? Chissà…

elvis film

Un momento di rilievo è lo speciale ritorno in TV del ’68, un segmento privo dello stile precedente, ma perfettamente allestito, messo in scena e interpretato. Da lì, il film rallenta e prende una strada in discesa senza mai tuttavia diventare noioso. Luhrmann rifiuta che il suo film diventi un mero esercizio di stile, di eleganza. Il suo film trasuda passione, passione che illumina un’ icona culturale straordinaria.

Lunga vita al Re! 👑

IN CONCLUSIONE

Elvis è un vero piacere per il pubblico. L'ultimo di Baz Luhrmann è un film elettrizzante che regala la performance della svolta da star di Austin Butler: semplicemente diventa “il Re”. Mozzafiato, potente ed estremamente nostalgico, Elvis ti farà battere le dita dei piedi e farà oscillare i tuoi fianchi sulla poltrona dall'inizio alla fine. Una gioia cinematografica!

Il voto di Cinefily

Lascia un commento