Margot Robbie è la sociopatica più adorabile che tu abbia mai voluto frequentare in “Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn”. Ecco la recensione del ritorno in grande stile di Harley Quinn.

Correva l’anno 2016, quando “Suicide Squad” offriva un piccolo assaggio dell'antieroina precedentemente nota come Harleen Quinzel, fidanzata “incatenata” di Mr. J, alias Joker.

“Birds of Prey” porta in scena la vera vita della supercattiva DC in tutta la sua gloria carismatica e complicata. Nel corso del film viene descritta molto frettolosamente l’origine del personaggio, trasportando lo spettatore subito al centro dell’avventura.

ewan mcgregor birds of prey
Info
Anno 2020
Durata 108 min
Regia Cathy Yan

 

Cast
Margot Robbie: Harley Quinn
Mary Elizabeth Winstead: Cacciatrice
Jurnee Smollett-Bell: Black Canary
Ella Jay Basco: Cassandra Cain
Ewan McGregor: Roman Sionis

La trama di Birds of Prey

Il film, che già dal titolo, dovrebbe indicare una grande squadra tra Quinn e molti altri antieroi DC, in realtà si concentra esattamente su Harley e sulle mille persone che vogliono vendicarsi di lei, ora che non è più sotto la protezione di Joker .

Avete presente una storia con un poliziotto, un canarino, una psicopatica e una principessa di origine mafiosa? Beh! Birds of Prey è una storia contorta e strampalata raccontata dalla stessa Harley, (come solo Harley può dirlo) che accomuna tutte queste figure. Quando il più malvagio e narcisista di Gotham, Roman Sionis, e il suo zelante braccio destro, Zsasz, mettono nel mirino una ragazza di nome Cass, la città viene sconvolta per cercarla. I percorsi di Harley, Cacciatrice, Black Canary e Renee Montoya si intrecciano e l’improbabile quartetto non ha altra scelta che allearsi per abbattere Roman. E sarà proprio da qui che comincerà la rinascita di Harley!

Un film di rottura

Birds of Prey è un film di rottura. Questo è ovvio dal primo momento in cui Harley, racconta in uno stupendo prologo animato la sua storia da psichiatra innamorata del più famoso cattivo di Batman, Joker. Mette in mostra la complicata serie di eventi che hanno portato alla fine della loro relazione violenta.

Ma Birds of Prey non riguarda solo la rottura di Harley con Joker (che tra l’altro non appare mai al di fuori del prologo animato e in un paio di scene estremamente rapide in cui non è del tutto inquadrato). Si distacca da tutto ciò che è ormai lo standard dei film sui supereroi: azioni noiose per lo più ricreate in 3D, e storie sulle loro psiche torturate. Anzi, Harley prende in giro questo mondo, e lo fa in modo assolutamente allegro e disordinato.

birds of prey film di rottura

Note negative nel film

Una gran pecca del film è la linea temporale non lineare che mischia flashback e flashforward, non dando l’idea di una trama solida bensì piuttosto confusionaria. Anche le performance delle co-eroine non sono all’altezza della protagonista, dedite a svolgere ciò che è indicato sul copione senza aggiungere granché ai singoli personaggi. Ewan McGregor (Sionis) è forse l’unico attore in grado di avvicinarsi al livello di energia della bella Margot Robbie, ha impersonificato in toto il personaggio, fornendo una performance sublime nel suo squallore e malvagità.

Soundtrack e sciccherie di Birds of Prey

Un lato positivo nel film sono sicuramente le vivaci colonne sonore che donano ritmo e grinta alla storia, fortemente collegate alle scene di combattimento (un classico del genere supereroistico), quasi mai realizzate in 3D, ma frutto di una sapiente coreografia.

Fumo rosa e blu riempie l’aria, un lanciagranate fa esplodere bombe glitterate, c’è un inseguimento in auto su pattini a rotelle e la battaglia più grande del film è all’interno di una vecchia e inquietante giostra di un luna park abbandonato.

Birds of Prey non è il classico cinecomic, non è un film d’essay, non è ovviamente un film serio. Nel suo mondo, nella sua disordinata energia maniacale concede, in grande stile, di spiccare il volo a questi strani uccelli glitterati nell’universo DC.

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!