Skip to main content
Personaggi

Ruben Östlund: 5 film che hanno ispirato il regista svedese

By Ottobre 21, 2022No Comments

Ruben Östlund

“Fondamentalmente, tutti i miei film parlano di persone che cercano di evitare di perdere la faccia.”

📆  nato il: 13/04/1974
🇸🇪 a Styrsö, Svezia
🎥  regista
CHI è Ruben Östlund?

Nato sull’isola di Styrsö in Svezia, durante l’adolescenza ha trovato lavoro stagionale nelle stazioni sciistiche delle Alpi, dove è iniziato l’amore verso la macchina fotografica. “È così che ho iniziato a girare. Stavo girando film sugli sci in questa stazione sciistica e bla, bla, bla”.

Ruben Östlund ha esordito nel lungometraggio con The Guitar Mongoloid del 2004, ma ha avuto successo internazionale con Force Majeure del 2014, una commedia nera ambientata in una lussuosa stazione sciistica delle Alpi. Force Majeure ha debuttato al Festival di Cannes, dove ha vinto il Premio della Giuria. Nel 2017 Östlund ha gareggiato a Cannes e ha vinto il primo premio del festival, la Palma d’Oro con la satira mondiale dell’arte, The Square. 

Il suo ultimo è Triangle of Sadness, una satira sociale sugli ospiti super ricchi a bordo di una crociera di lusso. Il film, presentato in anteprima a Cannes quest’anno, ha permesso a Östlund di vincere la sua seconda Palma d’Oro consecutiva. (“Qualcuno un giorno mi ha detto, ‘La prima Palma d’oro può essere un incidente, ma la seconda significa davvero qualcosa”, ha detto.) Una vera impresa per qualcuno che inizialmente voleva solo filmare i suoi amici mentre sciavano.

Ecco di seguito le cinque opere che hanno maggiormente ispirato il, possiamo davvero dirlo, grande cineasta svedese.

1. Qualcuno volò sul nido del cuculo

“È semplicemente un’esperienza fantastica essere in quel viaggio in quel film.” Il regista Miloš Forman proviene da un’ex dittatura comunista e ciò viene esternato anche nei suoi film: parlano tanto dell’individuo che scoppia e diventa libero. Non è un caso che alla fine del film, l’indiano lanci il lavandino dalla finestra e se ne vada libero nella natura. Tutti i film di Miloš Forman sono fondamentalmente su soggetti che si comportano in modo del tutto inaspettato, ma sono liberi di farlo. Non si lasciano schiacciare dalle aspettative, sullo stato, sulle convenzioni e così via. È un bellissimo regista.

Ruben Östlund: 5 film che hanno ispirato il regista svedese

2. Storie

“Michael Haneke mi piace per la suspense che dona ai suoi film. Anche se non ha una drammaturgia o una narrativa tradizionale, c’è sempre una tale suspense. Come pubblico, quando lo guardo, sono sempre all’erta. Per me Michael Haneke è il maestro della suspense.  In Storie (Code Unknown) c’è una scena specifica in cui Juliette Binoche viene molestata da due giovani sulla metropolitana di Parigi. La sequenza dura forse dagli otto ai nove minuti, o qualcosa del genere, e lui è davvero riuscito a creare la sensazione spiacevole di trovarsi sui mezzi pubblici quando non sai chi prenderà il comando, chi ti aiuterà.  Quindi per me è un regista così abile, molto, molto preciso. Penso anche che, proprio come Milos Forman, sia un grande umanista.”

3. You, the Living

Roy Andersson è un regista svedese che lavora con una tecnica speciale: ogni sua scena è costruita sempre a partire da riprese singole, con una telecamera fissa, e lavorano sul set per forse un mese o giù di lì prima di girare la scena, dipingendo tutto con cura in una certa scala di colori e così via. Quindi, il mestiere di Roy Andersson è straordinario.

“Poi ha anche un umorismo molto banale. Costruisce questi set assurdi, e la scena è in realtà su qualcuno che guarda la città quando il sole sta tramontando, e si sente la coppia in sottofondo che dice: “Cosa stai facendo?” “Sono qui in piedi.” “Non stai pensando?” “Sì, certo. Stavo pensando.” “A cosa hai pensato?” “Non ricordo ora quando me lo chiedi.” “Hai pensato a me?” “No.” La banalità, in contrasto con questi set assurdamente ben costruiti, è fantastica.”

4. Holy Motors

Leos Carax, secondo Östlund, è visivamente il regista più forte che abbiamo in epoca contemporanea. È anche molto selvaggio e inaspettato in un modo molto stimolante. In Holy Motors Denis Lavant è un attore che interpreta ben 11 ruoli diversi, fondamentalmente entrando e uscendo da diversi personaggi, e lo fa in un modo molto bello.

5. First Cow

First Cow è stato il film che ha messo in contatto Ruben Östlund con Kelly Reichardt. “Mi sono un po’ irritato quando hanno iniziato a parlare del suo lavoro come di un cinema lento, perché penso anche che sia molto carico di suspense. Non c’è un solo secondo che non sia vivo per me.”

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento!